mercoledì 22 settembre 2021
Città di Monte San Savino
Home » News / Scheda News

PROCEDURE DI AFFIDAMENTO IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

IL CONSIGLIO COMUNALE
PREMESSO che il Comune di Monte San Savino possiede i seguenti impianti sportivi:
- Campo sportivo “Le Fonti”;
- Campo sportivo e campo polivalente “A. Diaz”;
- Campo sportivo “Sartiani Santi” di Montagnano;
- Campo sportivo di Alberoro;
- Complesso ricreativo “A. Frullani” in Loc. Casalino;
e premesso altresì che il Comune non è in grado di gestire direttamente i suddetti impianti in quanto non dispone del personale necessario per poter soddisfare le richieste di apertura e vigilanza tale da assicurare agli utenti la loro fruizione nelle diverse ore della giornata;
PRESO ATTO che è intendimento di questa Amministrazione Comunale incentivare la promozione e la partecipazione allo sport, affidando la gestione di tale impianti a favore dell’associazionismo sportivo locale, considerato l’alto valore sociale di tali associazioni e gruppi sportivi per la loro attività improntata sempre al beneficio della comunità di Monte San Savino, oltre che per la valorizzazione e per il miglior utilizzo possibile delle stesse strutture sportive;
DATO ATTO che i predetti servizi possono considerarsi servizio pubblico locale avente rilevanza economica, in quanto attività considerata d’interesse generale per la popolazione e soggetta, quindi, a specifici obblighi inerenti al pubblico servizio, da svolgersi con modalità che ne consentano l’accesso per tutti gli utenti e a prezzi accessibili;
DATO ATTO che l’art. 34, commi da 20 a 27, del D.L. n. 179/2012, convertito con L. n. 221/2012, detta previsioni per i servizi pubblici locali di rilevanza economica al fine di assicurare il rispetto della disciplina europea, la parità tra gli operatori, l'economicità della gestione, l'adeguata informazione alla collettività di riferimento;
EVIDENZIATO che la normativa comunitaria prevede che gli enti locali possano procedere ad affidare la gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica secondo le tre seguenti modalità:
1. esternalizzazione a terzi con espletamento di procedure ad evidenza pubblica secondo le disposizioni in materia di appalti e concessioni di servizi;
2. società mista, la cui selezione del socio privato avvenga mediante gara a doppio oggetto (socio operativo), in applicazione delle disposizioni inerenti il partenariato pubblico-privato;
3. gestione cosiddetta “in house”, purché sussistano i requisiti previsti dall’ordinamento comunitario ovvero: totale partecipazione pubblica; controllo sulla società affidataria analogo a quello che l'ente o gli enti affidanti esercitano sui propri servizi; realizzazione, da parte della società affidataria, della parte
DELIBERA DI CONSIGLIO n. 42 del 28-06-2021 - pag. 3 - COMUNE DI MONTE SAN SAVINO
Documento informatico sottoscritto con firma digitale ai sensi dell’art. 24 del DLgs 07/03/2005 n. 82 e s.m.i (CAD)., il quale sostituisce il documento
cartaceo e la firma autografa. Il presente documento è conservato in originale nella banca dati del Comune di Monte San Savino ai sensi dell’art. 3-
bis del CAD.
più importante della propria attività con l'ente o gli enti che la controllano, sottoposte a tutti i vincoli imposti dalla normativa nazionale sul reclutamento del personale e conferimento degli incarichi, sugli acquisiti di beni e servizi, sulla estensione delle regole del patto di stabilità interno;
DATO ATTO, altresì, che sempre l’art. 34, comma 20, D.L. n. 179/2012, convertito in L. n. 221/2012 impone agli Enti Locali, per i servizi pubblici locali di rilevanza economica, di assicurare il rispetto della disciplina europea, la parità tra gli operatori, l’economicità della gestione e di garantire adeguata informazione alla collettività di riferimento, nonché prescrive che l’affidamento del servizio è effettuato sulla base di apposita relazione, pubblicata sul sito internet dell’Ente affidante, che dia conto delle ragioni e della sussistenza dei requisiti previsti dall’ordinamento europeo per la forma di affidamento prescelta e che definisce i contenuti specifici degli obblighi di servizio e servizio universale, indicando le compensazioni economiche, se previste;
ATTESO che, in ottemperanza al comma 20 dell’art. 34 del D.L. n. 179/2012, convertito con L. n. 221/2012, è stata predisposta la relazione ivi prescritta con riferimento all’affidamento in concessione degli impianti sportivi, al fine di dar conto delle ragioni e della sussistenza dei requisiti previsti dall'ordinamento europeo per la forma di affidamento prescelta e per definire i contenuti specifici degli obblighi di servizio pubblico e servizio universale, indicando le compensazioni economiche se previste;
DATO ATTO che, in conformità alla L.R. Toscana n. 21 del 27 febbraio 2015, con Delibera del Consiglio Comunale n. 41 del 28/06/2021 è stato approvato il “REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI DI PROPRIETA’ DEL COMUNE”, che all’art. 4 disciplina le forme di gestione, individuate nelle seguenti:
a) direttamente dal Comune in economia, anche attraverso azienda speciale ai sensi dell’art. 114 del Testo Unico degli Enti Locali oppure da società, associazioni e/ fondazioni partecipate o costituite dallo stesso Comune;
b) mediante affidamento in gestione, previo esperimento di apposite procedure di selezione come previste dal regolamento sopra menzionato;
c) mediante affidamento in gestione a soggetti diversi da quelli di cui al precedente punto b) solo in caso di esito infruttuoso delle procedure di selezione di cui all’art. 5 e comunque nel rispetto dei principi relativi alle medesime.
RITENUTO che le peculiari esigenze individuate dall’Amministrazione Comunale, specificate nella relazione ex art. 34, comma 20, del D.L. 179/2012, convertito con modificazioni dalla L. 221/2012, che si intende qui integralmente richiamata, giustificano il ricorso alla concessione della gestione a soggetto terzo nel rispetto delle vigenti disposizioni legislative e statutarie;
EVIDENZIATO che le modalità di organizzazione dei servizi, sulla base della forma prescelta dal Consiglio, devono essere decise dal Responsabile del Servizio, il quale, previo studio di fattibilità, adotta la soluzione maggiormente idonea e conveniente per l’Amministrazione e per il cittadino, tenuto conto delle necessità di razionalizzazione della spesa imposte dalle recenti manovre finanziarie;
RITENUTO che, dall’esame dei dati contenuti nella relazione approvanda redatta ai sensi dell’art. 34 comma 20 e 21, del D.L. n. 179/2012, convertito con L. n. 221/2012 emerge la sussistenza dei requisiti
DELIBERA DI CONSIGLIO n. 42 del 28-06-2021 - pag. 4 - COMUNE DI MONTE SAN SAVINO
Documento informatico sottoscritto con firma digitale ai sensi dell’art. 24 del DLgs 07/03/2005 n. 82 e s.m.i (CAD)., il quale sostituisce il documento
cartaceo e la firma autografa. Il presente documento è conservato in originale nella banca dati del Comune di Monte San Savino ai sensi dell’art. 3-
bis del CAD.
previsti dall’ordinamento per la forma di affidamento prescelta e per l’economicità della gestione del servizio in questione;
CONSIDERATO che occorre garantire un’adeguata informazione ai cittadini del Comune in merito alle caratteristiche ed alla gestione del servizio in questione secondo quanto previsto dal citato articolo;
RAVVISATA la competenza del Consiglio in materia, ai sensi dell’art. 42, comma 2 lett. e), del D.Lgs.n.267/2000, trattandosi di organizzazione dei pubblici servizi;
VISTO il D. Lgs. n. 267/2000;
ACQUISITI i pareri di regolarità tecnica e contabile ai sensi dell’art. 49 D.Lgs. 267/2000, firmati digitalmente ed allegati al presente provvedimento;
CON voti favorevoli unanimi;
DELIBERA
1. Di dare atto che il Comune intende procedere all’affidamento in concessione dei seguenti impianti sportivi del territorio:
- Campo sportivo “Le Fonti”;
- Campo sportivo e campo polivalente “A. Diaz”;
- Campo sportivo “Sartiani Santi” di Montagnano;
- Campo erotik shop sportivo di Alberoro;
- Complesso ricreativo “A. Frullani” in Loc. Casalino.
2. Di approvare la “Relazione per l’affidamento degli stessi ai sensi dell’art. 34 commi 20 e 21 del D.L. n. 179/2012, convertito con L. n. 221/2012, di cui all’allegato “A”, parte integrante e sostanziale del presente atto, ai sensi dell’art. 42 del D. Lgs. n. 267/2000 per gli atti di organizzazione e concessione dei servizi pubblici.
3. di dare mandato al funzionario responsabile competente del compimento di tutti gli adempimenti consequenziali al presente atto.
Con separata favorevole ed unanime votazione, la presente deliberazione viene resa immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. m134,4° comma del D. Lgs. n. 267/2000, al fine di consentire l’espletamento dei necessari adempimenti conseguenti
(38/LC/lc)

sex shop sex shop sex shop sex shop sex shop sex shop sex shop

File allegati
Scarica file in formato PDF Delibera Consiglio Comunale 42 - 2021
Scarica file in formato PDF Relazione Nr. 34

Comune di Monte San Savino CF e PI 00272160516 Corso Sangallo 38 - 52048 Monte San Savino
Tel.: 0039 0575 81771 Fax: 0039 0575 843076 comune@citymonte.it - turismo@citymonte.it